Matrimonio religioso

Ultima modifica 18 gennaio 2022

E' il Matrimonio celebrato dal Sacerdote o Ministro di Culto, con il rito che prevede effetti sia civili che religiosi.
Sono riconosciuti gli effetti civili ai matrimoni contratti secondo le norme del diritto canonico, a condizione che l'atto sia trascritto nei registri dello Stato Civile, previa pubblicazione nella Casa Comunale (vedi scheda pubblicazioni di matrimonio ).

Modalità di presentazione
Richiesta pubblicazioni all'Ufficio di Stato Civile.

Note Aggiuntive

TRASCRIZIONE DELL'ATTO DI MATRIMONIO
Celebrato il matrimonio il Parroco, entro cinque giorni, trasmette l'atto all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove lo stesso è avvenuto per la trascrizione nei relativi registri ai fini degli effetti civili del matrimonio stesso.
La trascrizione avviene entro 24 ore e, se uno o entrambi gli sposi non risiedono nel Comune ove si è verificato l'evento, l'Ufficiale dello Stato Civile trasmette copia autentica dell'atto stesso ai relativi Comuni di residenza per la trascrizione ai fini delle relative certificazioni. Il medesimo Ufficiale dà comunicazione dell'evento al Comune di nascita degli sposi per l'annotazione a margine degli atti stessi.
La trascrizione può essere effettuata anche posteriormente su richiesta dei due sposi o anche di uno solo di essi, con la conoscenza e senza l'opposizione dell'altro (richiesta tardiva scritta).
Una volta effettuata la trascrizione, gli sposi possono richiedere la certificazione relativa al matrimonio.

Al momento del matrimonio i coniugi possono scegliere il regime della separazione dei beni, se tale scelta non viene effettuata vige automaticamente la comunione dei beni.
Resta comunque la possibilità di stipulare convenzioni matrimoniali per atto notarile anche dopo la celebrazione del matrimonio (in questo caso è il Notaio che trasmette l'atto al Comune)

Normativa di riferimento

  • D.P.R. n. 396 del 3 novembre 2000 - ordinamento dello stato civile;
  • CODICE CIVILE ART. 162 comma 2 e seguenti;
  • Legge 19 maggio 1975 n. 151 Riforma del Diritto di Famiglia.

Riferimenti e Contatti

Servizio Biblioteca e demografici