Impianti di riscaldamento

Ultima modifica 9 novembre 2021

La legge prevede limiti di tempo e di orario precisi entro i quali gli impianti di riscaldamento pubblici e privati possono rimanere accesi.
Per la zona di Impruneta è prevista un'accensione massima di 14 ore giornaliere nel periodo compreso fra il 15 Ottobre e il 15 aprile di ogni anno.
Al di fuori di questi periodi gli impianti termici possono essere attivati solo in presenza di situazioni climatiche che ne giustifichino l'esercizio e comunque con una durata giornaliera non superiore alla metà di quella consentita a pieno regime.
Gli impianti di riscaldamento possono funzionare solo nella fascia oraria compresa fra le 5 del mattino e le 23.

CASI PARTICOLARI
Le disposizioni relative alla limitazione del periodo e dell'orario non si applicano:

  • agli ospedali e ai luoghi di cura in genere;
  • alle sedi delle rappresentanze diplomatiche e organizzazioni internazionali che non siano ubicate in stabili condominiali;
  • alle scuole materne e agli asili nido;
  • agli alberghi, pensioni e attività assimilabili;
  • ai locali adibiti a piscine, saune e assimilabili;
  • agli edifici artigianali e industriali, in presenza di particolari esigenze tecnologiche o di produzione.

In situazioni climatiche particolarmente rigide, in deroga alle limitazioni previste dalla legge, i Sindaci possono ampliare i periodi annuali di esercizio e la durata giornaliera di attivazione degli impianti termici, sia per i centri abitati, sia per i singoli immobili.


INVIO DEI CONTROLLI ALLA PROVINCIA
Ogni 2 anni i cittadini dovranno inviare alla Provincia di Firenze una copia del rapporto di manutenzione della caldaia a gas, completo della prova di combustione, eseguito da una ditta qualificata. Il rapporto dovrà essere controfirmato dal cittadino.

Normativa di riferimento

  • D.P.R. n. 412/1993 – artt. 2, 3 e 4 – allegato A
  • D.P.R. n. 74/2013 – artt. 3, 4 e 5
  • Regolamento Regionale - D.P.G.R. 3 marzo 2015, n. 25/R – art. 6

Riferimenti e Contatti

Servizio Ambiente e Patrimonio